Compagnia Roberto Lussignoli | fare teatro
545
page-template-default,page,page-id-545,page-child,parent-pageid-7,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1200,qode-theme-ver-12.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

PENSA A FARE TEATRO

Tu pensa a fare teatro. E basta.

Senza pensare ad altro.

Che non lo fai per diventare un attore, tanto meno per diventare famoso, meno che mai per guadagnare denaro.

Tu pensa che fai teatro per divertirti. E basta.

Per prendere in giro te stesso e far ridere gli altri.

Tu pensa a fare teatro. E basta.

Per essere te stesso. Anzi, per essere davvero te stesso, fino in fondo. E finalmente non patire più il confronto con gli altri.

Stai giocando. Che problema c’è?

E, attraverso il gioco, arrivare finalmente al senso vero di tutto ciò che ti circonda.

C’è un mondo intero a cui ridare un nome, da prendere in mano, da modellare secondo le tue esigenze e i tuoi desideri.

Da fare tuo.

Tu pensa a fare teatro. E basta.

Senza chiederti quanto tu possa essere bravo, quanto talento hai, se il tuo fisico è adatto, se sei abbastanza in salute. Che t’importa?

Sarà una costante pratica teatrale a farti diventare bravo, a fornirti di talento, a rendere il tuo fisico adatto, a restituirti la salute.

Quello che ti serve, per divertirti. Senza agonismo, senza competizione, lontano da ogni egocentrismo.

Perchè il teatro si fa con gli altri. E gli altri sono lì, a guardarti. E, dopo, desiderano essere guardati a loro volta.

Tu pensa a fare teatro. E basta.

Sgombrando il campo dagli equivoci.

Fare teatro non è un hobby, un passatempo, uno dei tanti modi per ammazzare la noia.

Fare teatro è una ininterrotta avventura, che non smette mai di sorprendere.

Non è nemmeno un’arte, ma un modo di vivere.

Non sopra le righe, come credono in tanti, ma dentro le righe, là dove sono nascosti i contenuti.

Una volta imparato questo, te lo porti dietro per tutta la vita.

Assumi quello sguardo, lo sguardo di quelli che fanno teatro.

E’ uno sguardo che sa. Perchè ha imparato a vedere. Non te lo togli più.